News ed eventi

Tutto sulla sicurezza

Braccialetto GPS: il miglior sistema salvavita e allarme antiaggressione

Braccialetto GPS: il miglior sistema salvavita e allarme antiaggressione

La tecnologia al servizio della sicurezza

La sicurezza della persona è un argomento di estremo interesse nel nostro Paese al giorno d’oggi, e cresce sempre più il bisogno di sentirsi al sicuro e protetti. Nasce così la necessità di utilizzare strumenti efficaci che permettano di salvaguardare l'individuo dai numerosi rischi a cui purtroppo potrebbe essere esposto quotidianamente.

Un aspetto decisamente positivo riguarda l’applicazione della tecnologia pronta ad offrire soluzioni innovative per la sicurezza della persona. Un esempio vincente si identifica con i braccialetti GPS salvavita Eyewhere. Supportati da un’app e collegati con la più vicina centrale operativa, sono in grado di lanciare un allarme immediato assicurando un intervento rapido e tempestivo.

Dispositivo di sicurezza, per chi è consigliato?

Chiunque può rischiare di essere vittima di abusi, violenze, maltrattamenti o incidenti. Tuttavia, ci sono persone maggiormente esposte a rischio e hanno necessità di affidarsi a un sistema di sicurezza. Tra tutti si parla specialmente di bambini, anziani e donne.

Quali sono i pericoli possibili?

Sicurezza bambini

Secondo le statistiche, sono davvero tanti i bambini e i ragazzi che vivono in un clima di abusi e maltrattamenti. Molti episodi avvengonoin casa, altri a scuola o nei luoghi di ritrovo con gli amici. In alcuni casi le violenze possono essere subite da parte di adulti ma come nel caso del bullismo anche da parte di coetanei.
In Italia si stima che 47.7 minorenni su 1.000 siano seguiti dai servizi sociali, di questi quasi 100.000 sono vittime di maltrattamento (fonte Cesvi).  Azioni di bullismo invece sono stati riscontrate da oltre il 50% dei ragazzi tra gli 11 e 17 anni, e tra chi utilizza quotidianamente il cellulare (85,8%), il 22,2% dichiara di essere stato vittima di cyberbullismo (fonte Sipps).
Sono diversi i segnali dei bambini che vivono questo tipo di situazioni: stress emotivo, disturbi mentali, ansia o depressione, calo del rendimento scolastico, difficoltà a socializzare e nei casi più gravi manifestazione di tendenze autolesioniste. A volte non basta solo educarli a confidarsi delle proprie difficoltà ma è importante monitorare gli avvenimenti con strumenti di sicurezza per bambini che permettano di avere un maggiore controllo.

Sicurezza anziani

Nella nostra società, gli anziani oltre a rappresentare una risorsa per l'intera famiglia sono anche i soggetti che andrebbero maggiormente tutelati. Gli incidenti domestici risultano essere molto frequenti e spesso salvare la vita di un anziano è davvero una questione di minuti.
Spesso le persone anziane vivono da sole in casa, correndo il rischio di cadere a causa dei problemi di deambulazione e vista debole, oppure di avere un malore. Per loro chiedere aiuto o chiamare i soccorsi può essere veramente difficile o quasi impossibile. Può accadere invece che soggetti affetti da Alzheimer possano allontanarsi dalla propria abitazione non ricordando poi più la strada del ritorno mettendo così in allarma i parenti. Per figli e nipoti diventa sempre più difficoltoso infatti poter controllare la loro sicurezza. Un sistema salvavita per anziani è un ottimo alleato per prevenire e in alcuni casi evitare spiacevoli incidenti. 

Sicurezza donne

La violenza sulle donne è un tema purtroppo molto attuale e sentito nella nostra società che ha subito una forte crescita nel 2020 durante il periodo del lockdown. Il numero delle chiamate di aiuto telefoniche e via chat tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+119,6%), passando da 6.956 a 15.280 (fonte Istat).
Il pericolo viene riscontrato sia all'interno delle proprie mura di casa che fuori. Ogni donna può confermare di essersi trovata almeno una volta nella vita in una circostanza di disagio:  rincasando da sola in tarda notte si è imbattuta in persone inopportune e pericolose.
Nelle situazioni più critiche non sempre però è possibile chiedere soccorso, per questo l'uso di un allarme antiaggressione per le donne può rappresentare la vera soluzione per poter vivere in totale sicurezza.

Come funziona il braccialetto GPS EyeWhere?

Il braccialetto GPS Eyewhere è collegato ad un’app che in pochi secondi segnala la posizione di chi lo indossa, costituendo un vero e proprio sistema di pronto intervento. Oltre alla funzione di geo localizzatore, consente di inviare un allarme alla più vicina centrale operativa di vigilanza. 

La richiesta di aiuto si attiva in due modalità:

Pulsante SOS:
se sul dispositivo viene premuto il tasto SOS, automaticamente sarà inoltrata la localizzazione tramite mappa alla più vicina centrale operativa per inviare il pronto soccorso.

Rilevamento urti:
se il dispositivo rileva urti o bruschi spostamenti, l’istituto di vigilanza riceverà il segnale ”uomo a terra” e sarà abilitato il tracking per intervenire con soccorsi immediati.

In entrambi i casi, una volta attivato l’allarme, si avvierà anche la registrazione audio. Questa funzionalità potrebbe rivelarsi fondamentale nei casi più gravi in cui all’accaduto può seguire un procedimento penale o giudiziario. Resolteam proponendo il braccialetto GPS EyeWhere si impegna a garantire la sicurezza personale con uno strumento efficace, facile da utilizzare e connesso ai sistemi di soccorso h24.